Blog

QUANDO LA MAMMA TI RIPETE : NON STARE COSI’ VICINO ALLA TV HA RAGIONE O TORTO?

QUANDO LA MAMMA TI RIPETE : NON STARE COSI’ VICINO ALLA TV HA RAGIONE O TORTO?

SCOPRI IN QUESTO ARTICOLO SE LA SUA PREOCCUPAZIONE E’ FONDATA OPPURE NO.

Qualcuno può sostenere che sono frasi dell’altro mondo, che ripetevano come un mantra le mamme di 50 anni fa, se avessero saputo che di lì a qualche anno saremmo stati invasi da schermi piatti, computer, tablet e cellulari, cosa avrebbero aggiunto al mantra?

Perché dicevano di stare lontani dallo schermo della tv? La loro era solo un’intuizione o di quel mostro avevano un timore inconscio?

Le mamme di un tempo erano cresciute senza la televisione e forse  quel nuovo “aggeggio” lo guardavano con sospetta diffidenza. Cosa mai potevano sapere degli effetti che uno schermo poteva avere sui bambini, eppure li intimavano a starne lontani, perlomeno di prendere le giuste distanze.

ERA SOLO ANSIA  O IL LORO RADAR CONTRO I PERICOLI ERA PIUTTOSTO SVILUPPATO?

Dobbiamo constatare che la loro preoccupazione era fondata, i disturbi alla vista sono peggiorati a causa dei dispositivi elettronici.

TUTTA COLPA DELLA SOVRAESPOSIZIONE ALLA COSIDDETTA LUCE BLU

La prolungata esposizione al display di un computer o tablet o tv affatica l’occhio, il muscolo è in continua tensione e peggiora la circolazione sanguigna.

Ma non è tutto.

L’occhio rallenta il cambiamento di visione da lontano a vicino e secondo uno studio pubblicato sulla rivista Scintific Reports, i retinali alterano uno dei componenti della membrana plasmatica delle cellule e uccidono i fotorecettori dopo una prolungata esposizione alla luce blu.

PER PRENDERCI CURA DEI NOSTRI OCCHI BASTANO PICCOLI ACCORGIMENTI

5 mosse per difendere i nostri occhi

  1. Riposa la vista a intermittenza

E’ buona abitudine far riposare la vista per alcuni minuti nell’arco della giornata se lavoriamo davanti ai dispositivi elettronici, alzando lo sguardo dal display e osservando qualcosa posto molto lontano.

  1. Calcola la distanza dai dispositivi

La distanza dovrebbe essere di circa 40 centimetri, se invece parliamo di computer la distanza ideale dovrebbe essere di 70 centimetri, almeno 3 metri dal televisore.

  1. Abbassa lo schermo all’altezza degli occhi

Non mettere mai lo schermo più in alto dalla tua vista, se lo fai affatichi gli occhi e li costringi a una posizione non naturale, soprattutto perché stai in quella posizione per lungo tempo.

  1. Posiziona le luci

Ti sei mai preoccupato di chiedere se il tuo computer abbia l’antiriflesso? Gli schermi devono avere l’antiriflesso, ma soprattutto consiglio di evitate di guardarli al buio. L’impatto luminoso sull’occhio è molto forte. Se sei abituato a guardare il pc prima di dormire o il telefonino devi sapere che potrebbe influenzare anche la qualità del sonno. La sera sarebbe opportuno moderare l’intensità della luce del display, meglio ancora se non lo guardate affatto.

  1. Indossa degli occhiali protettivi

Sai che esistono trattamenti filtranti la luce blu, emessa dai dispositivi elettronici? Possono essere effettuati su una lente correttiva se usi occhiali graduati, ma anche su lenti neutre con il solo scopo di proteggere gli occhi dalla famosa luce blu. Se prendi l’abitudine di indossarli riduci i rischi alla vista, tenendola invece efficiente a lungo.

La mamma aveva ragione, non c’è che dire, la saggezza si acquisisce per esperienza o per intuito, cosa che le mamme hanno piuttosto sviluppato.

Ps: fai attenzione perché non esiste un solo tipo di trattamento per la luce blu, informati con il tuo ottico specialista e non affidare la tua vista a chi non è esperto.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *